Gambino: “De Luca è il solito governatore mediatico. Sanità, promesse e mai fatti”

16 Febbraio 2018 Author :  

Mirabolanti e irrealizzabili promesse, mentre i Cittadini sono costretti a pagare gli esami di laboratorio, radiodiagnostici, e le prestazioni specialistiche! Il Consigliere regionale Alberico Gambino è intervenuto in ordine al Piano Sanitario Ospedaliero riferito alla Provincia di Salerno, definendolo “frutto di inganno, di mere promesse elettorali” e ricordando al Governatore De Luca che “i cittadini del salernitano sono costretti ancora a subire tetti di spesa, per l’assistenza specialistica e gli esami di laboratorio e diagnostici”, che li pongono nella condizione o di pagare direttamente l’intero costo delle prestazioni o di rinviare esami indispensabili per la tutela della propria salute: “Il Governatore, solamente mediatico, De Luca ha iniziato la personale campagna elettorale, a sostegno del PD, presentando un presunto Nuovo Piano Ospedaliero che prevede le solite promesse tra cui addirittura una fantomatica realizzazione di un Nuovo Ospedale Ruggi d’Aragona. Solite promesse, annunciate all’inizio di ogni campagna elettorale, che poi diventano carta straccia subito dopo il voto. La realtà vera, invece, racconta che i cittadini salernitani sono stati indotti a subire, in questi due anni e mezzo di governo mediatico, sofferenze inenarrabili per curarsi restando ancora inascoltate le enormi richieste di esami di laboratorio e di radiodiagnostica, così come di visite specialistiche ambulatoriali, che (causa tetti di spesa inadeguati) hanno costretto tanti utenti a pagare direttamente l’intero costo degli esami oppure a rimandare i controlli. Lo sanno bene soprattutto le persone più anziane che in oltre 20 mila, necessitano di assistenza a vario titolo, sia quella sanitaria che sociale, così come lo sanno bene quelli che, per misere pensioni o disoccupati o sottopagati, vivono condizioni di disagio oggettivo. Per queste persone, che rappresentano il 40% e più della popolazione salernitana, l'esaurimento dei tetti di spesa per le prestazioni sanitarie in regime convenzionato diventa un vero problema tanto da costringerli ad effettuare gli esami più strettamente necessari (a pagamento) e a rimandare gli altri all'inizio del nuovo anno. Chi vive quotidianamente la necessità di curarsi sa bene che già dall’estate 2017 lo stop all’assistenza convenzionata è stato disposto dall’ASL per la branca radiodiagnostica e per quella cardiologica cui si è aggiunto, da Ottobre 2017, quello per gli esami di sangue e urine.
Per non parlare del budget per tutte le branche della specialistica ambulatoriale, in ogni caso, già scaduto il 31 agosto scorso e del fatto che tali stop erano già avvenuti nel 2016 sempre a partire dall’estate. I cittadini, e specialmente le fasce più deboli, sono stanchi di essere illusi e sempre delusi. Basta!”

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2