Sarno. Rio Palazzo, Palumbo (Fi): "Degrado e inquinamento, ora basta"

15 Luglio 2018 Author :  

Le sponde e l’alveo del Sarno, anche nel tratto cittadino, sono diventate vere e proprie discariche a cielo aperto.
Così Forza Italia Sarno attraverso il proprio coordinatore Giuseppe Palumbo, censura l’ennesima mala gestione dell’Amministrazione Canfora.
Quotidianamente respiriamo aria fetida ! Sono ormai noti i luoghi caratterizzati da fetori di vario genere, con conseguenze altamente nocive per la nostra salute.
Giornalmente assistiamo alla diversa e triste colorazione del Rio Palazzo nel tratto a valle di Via Roma. Il corso d’acqua non è più in grado di assolvere alla propria funzione di depurazione, avviando un processo di morte del corso d’acqua stesso ( eutrofizzazione, morie di pesci).
Non si può continuare ad ignorare ed a non affrontare il problema.
Segnalazioni, azioni di denuncia sembra che non portino a niente; di contro il nostro territorio sta morendo.
Richiediamo con veemenza che queste situazioni anomale non diventino normalità !
Le istituzioni hanno il compito di vigilare il territorio, ma non lo fanno. Infatti la soluzione al problema da parte dell’Amministrazione sarnese è non affrontarlo affatto.
Il primo cittadino è il responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio.
Allo stato attuale, per una modifica della legge 833/78 non sono più i sindaci a gestire il servizio sanitario anche se a essi sono affidati dal DLg. 299/99 poteri di programmazione, di controllo e di giudizio sull’operato del direttore generale delle ASL. I compiti del “ sindaco “ sono quindi comunque ampi, soprattutto il “borgomastro” deve essere edotto dello stato di salute della popolazione, deve prendere provvedimenti se le condizioni ambientali sono invivibili, se esistono pericoli incombenti.
Inoltre il nostro ordinamento giuridico con il DLg. 105 del 26 giugno 2015 impone al primo cittadino di informare la popolazione dei rischi rilevanti cui è sottoposta.
Bisogna uscire da questo atteggiamento di passività- continua Palumbo- e per questo chiediamo alle autorità competenti , al sindaco quale responsabile della sanità cittadina, di effettuare prelievi ed analisi contestuali al verificarsi di sversamenti anomali: controllare le autorizzazioni agli scarichi; effettuare azioni di monitoraggio; individuare eventuali scarichi abusivi; informare soprattutto la cittadinanza.
Un’amministrazione diversa deve partire da qui, dal diritto alla salute della popolazione.
Innegabilmente nulla di questo è stato fatto finora. Forse nessuno in questi anni se n’è accorto ma nel Comune di Sarno esiste un Assessorato all’ambiente, nonchè un Assessorato al controllo del territorio.
La questione degli sversamenti incontrollati non attiene solo alla materia della tutela ambientale e della prevenzione dell'inquinamento. È un servizio fondamentale per l'economia di un territorio, per la salute delle sue comunità.
Che cosa è l’ambiente per questa Amministrazione- insiste Palumbo ? Per Noi già dire ambiente è porsi nel disumano, perché ambiente è un’astrazione. Noi non siamo degli ambientalisti: siamo degli esseri umani offesi.
“Neanche gli elettori di Sarno sono ambientalisti: siamo una popolazione fregata e offesa, così mite da dare, all’oppressione del palazzo, una risposta delle più calme, delle più civili: il voto elettorale alle prossime amministrative…”

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2