Aumenta il ruolo del Consorzio: denunce di Sirica a Sarno e Annunziata di San Marzano Attiva

21 Luglio 2018 Author :  

Un aumento vertiginoso del ruolo del Consorzio di Bonifica è quello che cittadini si sono trovati in bolletta nei giorni scorsi, quando hanno iniziato a ricevere a casa i primi bollettini per i versamenti di un'imposta tanto odiata quanto a volte ritenuta inutile proprio perché i servizi che riguardano le aree consortili non sono percepiti dai cittadini in maniera così inequivocabile, come invece accade per altri settori. Sono tantissimi i comitati e le associazioni di protesta che hanno chiesto, in diverse occasioni, di annullare questa imposta che a dire il vero, nel corso del tempo, si è modificata perché il consorzio assunto nuovi compiti a differenza del passato. Da ente nato per sostenere gli interessi dei consorziati di terreni che costeggiano i fiumi, adesso è un ente commissariato da diversi anni che ha notevoli problemi economici e che in pratica cerca di mantenersi tra difficoltà economiche e l'indifferenza della Regione Campania per certi versi, sotto l'aspetto di finanziamenti, nello specifico.

Enrico Sirica di Fratelli d'Italia attacca chiede il voto

A sposare questa battaglia è il consigliere comunale capogruppo di Fratelli d'Italia Enrico Sirica.
"L'aumento indiscriminato di circa il 30% della bolletta del Consorzio di Bonifica lo riteniamo inspiegabile e inaccettabile. È assurdo che per servizi mancanti e a volte approssimativi siamo costretti come cittadini a pagare un prezzo davvero esagerato. Chiediamo che le tariffe vengano riviste al più presto per evitare l'ennesimo salasso ai cittadini di Sarno. Inoltre, penso che dopo anni di commissariamento sia giunta l'ora di tornare al voto e al più presto visto che questi anni di commissariamento non hanno apportato nessun miglioramento, anzi, il Consorzio versa in condizioni pessime".

Salvatore Annunziata di San Marzano Attiva al fianco dei cittadini

La battaglia, a dire il vero, non si ferma a Sarno ma, riguarda tutto l'Agro Sarnese Nocerino e non è un caso che la stessa voce di protesta arriva anche da San Marzano sul Sarno, dove i cittadini di San Marzano Attiva hanno deciso di iniziare una vera e propria battaglia nei confronti del Consorzio di Bonifica del comprensorio del Sarno per le bollette esagerate e per i disservizi che continuamente si registrano in un territorio delicato come quello di San Marzano sul Sarno.
"L'aumento delle bollette di circa il 30% è davvero scandaloso e non è accettabile prendere così in giro i cittadini e andare a prelevare i soldi della loro tasca senza poi essere in regola con i servizi che puntualmente sono scarsi e a volte completamente assenti. A San Marzano sul Sarno c'è una mancanza totale di monitoraggio del territorio e inoltre, c'è anche un'assenza di salvaguardia per quanto riguarda i terreni da bonificare. Siamo disposti anche a pagare il ruolo del consorzio di bonifica, ma non a questi costi e soprattutto, vogliamo pagare anche il doppio a patto però che ci siano effettivamente di servizi che ad oggi non vediamo. In 3 anni di commissariamento c'è stato un aumento di circa il 60% in totale sui ruoli, siamo pronti ad adire per vie legali in tutte le sedi contro questo abuso" dichiara il presidente di San Marzano Attiva, Salvatore Annunziata.

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

 

GruppoIdPublicWhiteCompletoGimp