Dal prossimo weekend freddo dalla Scandinavia, giù 15 gradi

20 Agosto 2018 Author :  

A partire dall'ultimo weekend di Agosto, quindi da Sabato 25 e Domenica 26 Agosto fino a fine mese o addirittura fino a Domenica 2 Settembre il tempo subirà un radicale mutamento; - come riporta ilmeteo.it - l'estate italiana si piegherà giocoforza alla Natura delle cose, all’insesorabile avanzata del tempo e all’ineluttabilità delle stagioni, afflitta nei fatti dalle strapotere di un ciclone nordatlantici deciso ad invadere il nostro Paese.

L'aria fredda di estrazione artica che alimenterà il ciclone raggiungerà le Alpi e le valicherà entrando in Italia sia dalla valle del Rodano, sia dalla Porta della Bora attraverso quell’altipiano del Carso troppo spesso incapace ora, come in passato, di difenderci, ma soprattutto difendere l’Italia, un paese abbandonato persino dall’Anticiclone delle Azzorre, una volta amico: si attuerà un vero e proprio tracollo termico dapprima in quota, infatti l’aria fresca giungerà dell’Atlantico valicando le Alpi tra i 3000 e 5000 m, ma successivamente anche al suolo in concomitanza con le precipitazioni riversandosi inesorabilmente verso il basso sottoforma di pioggia e grandine e facendo precipitare la colonnina di mercurio di ben 15 °C.

I venti furiosi di Maestrale che raggiungeranno la Corsica e la Sardegna innescheranno una bassa pressione sul Golfo di Genova; tale configurazione risulta come di consueto tra le peggiori per il nostro Paese e per forza di cose provocherà un episodio di maltempo di stampo autunnale.

Temporali, nubifragi, grandine in poche ore colpiranno le nostre regioni da Nord a Sud, dilagando impetuose ed impietose, tanto che in alcuni casi le piogge potranno risultare incessanti su alcune regioni, ed è scontato avvisare che in un Paese come il nostro ad elevato rischio idrogeologico, la probabilità di allagamenti o episodi simil alluvionali non è poi così remota.

Ma c’è di più, infatti nella notte tra Sabato 25 e Domenica 26 in concomitanza con l’arrivo del nucleo più freddo di origine scandinava a ridosso dell’Austria e delle Alpi la neve potrà scendere anche a 1800m sui nostri rilievi dell’alto Adige, del bellunese, e della Carnia, e addirittura poco sopra attorno Cortina d’Ampezzo a 1800m di quota. Subito dopo si potranno verificare degli eventi di straordinaria portata sul Friuli Venezia Giulia diretti verso il Veneto e l’Emilia Romagna.

Tra Domenica 26 e Lunedì 27 il nocciolo di aria fredda ovvero questo piccolo ciclone organizzatosi in sede mediterranea, dopo aver colpito le regioni nord-orientali scenderà verso le regioni adriatiche colpendo tutte le regioni centrali e successivamente si porterà sulle regioni meridionali coinvolgendo maggiormente la Puglia, ma anche Molise e Campania, ma sottolineiamo che tutto il quadro meteorologico rimarrà fortemente instabile non solo nella giornata di Lunedì 27 e Martedì 28, ma anche per tutta l’ultima settimana di Agosto con residui non di poco conto pure nel primo fine settimana di Settembre; le temperature faticheranno, e non poco! a risalire, e ci sarà frequente occasione per temporali sia sulle Alpi in discesa verso Triveneto ed Emilia-Romagna, sia su tutta la dorsale appenninica in generosa inesorabile estensione iverso le regioni tirreniche. Successivamente altri temporali si organizzerannok nuovamente sulla Calabria, sulla Sicilia e sulla Sardegna.

Sostanzialmente tutte le regioni vedranno realizzarsi una crisi pressoché definitiva dell’Estate, ciò non toglie che successivamente nei primi giorni di settembre la temperatura possa ugualmente tornare a risalire, certo non proprio su valori prettamente estivi, ma comunque gradevoli

AdMedia

bannerpostoriservto

Punto News Channel

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2