Sarno. Sulla questione Cofaser trema palazzo San Francesco: urla e toni accesi in aula, nel finale è Canfora - Odierna show

22 Febbraio 2020 Author :  

Sulla questione Cofaser trema palazzo San Francesco: volano parole grosse in aula tra maggioranza e opposizione e poi il colpo di scena nel finale. L'opposizione accusa la maggioranza per l'enorme buco in bilancio del consorzio delle farmacie e per le tante assunzioni a tempo determinato fatte attraverso l'agenzia interinale, la maggioranza cerca di difendersi e nel finale è Canfora show in consiglio comunale "Qui c'è chi fa affari con il Cofaser e chi ha fatto un buco da 30milioni in Provincia", la minoranza insorge e abbandona l'aula, ma Sebastiano Odierna resta in aula e accusa Canfora "Hai fatto affari per 3,5 milioni di euro". Urla, toni accesi e consiglieri comunali che lasciano i banchi dell'assise, un vero e proprio caos nel finale. E’ il sunto di quanto avvenuto negli scorci finali del consiglio comunale di giovedì sera a Palazzo San Francesco. La maggioranza messa alle strette dal consiglio comunale, convocato in seconda convocazione, su richiesta dell'opposizione, si presenta in aula per discutere dell'argomento all'ordine del giorno "Approfondimenti in merito agli aspetti contabili e non del Co.Fa.Ser", ovvero del Consorzio Farmaceutico, con sede a Sarno, che dal 31 ottobre 2019 e' stato destinato ad una procedura di concordato preventivo dal Tribunale di Nocera Inferiore per permettere, al Cda e i soci, di ristrutturare un debito da 1 milione e 200 mila euro. All'apertura dei lavori dell’assise, tra i banchi della minoranza, a prendere parola è Domenico Crescenzo che porta in aula i nominativi delle 35 assunzioni interinali fatte nell'ultimo anno dal Consorzio Farmaceutico per il tramite dell’agenzia del lavoro “Gi Group” e accusa Canfora che diversi di questi nomi erano candidati nelle liste a suo sostegno, alle ultime elezioni amministrative. Poi prende la parola il consigliere Antonello Manuel Rega che sottolinea "E' grave che ad un consiglio monotematico sulla Cofaser non c'è un rappresentante della governance, per dare eventualmente spiegazioni all'assise. Credo che sia un atto di dispregio nei confronti dell'intero consiglio comunale, una mancanza di rispetto. Questo è il festival dell'ipocrisia. Tutti gli organi del Consorzio sono tutti nominati dalla politica, è inutile prendere in giro i cittadini, quindi, se sono state fatte scelte sbagliate bisogna prendersi delle responsabilità". Giovanni Montoro, aggiunge "Nel 2017, come consigliere comunale, ho detto a chiare lettere che la società Cofaser non aveva presentato un piano industriale e che noi come consiglio comunale non esercitavamo le funzioni di indirizzo politico, che sono di competenza del consiglio comunale rispetto alle società partecipate. Ed in quella occasione ho anche sottolineato la grave crisi in cui già versava la Cofaser e mi è stato risposto dal Sindaco che la società era in una situazione eccezionale. Era presente anche il direttore generale della Cofaser ed è stato omaggiato come il Padreterno. Chi gli ha permesso di rivestire la carica di direttore generale, rafforzando la sua posizione e competenze è stata proprio la governance di Canfora, che ha aumentato i poteri di Luigi Napoli, facendolo diventare il Re di Cofaser. Le responsabilità sono vostre perchè con una società già in crisi avete fatto assunzioni di personale attraverso l'agenzia interinale, quando poi la stessa Cofaser aveva debiti per 4 milioni di euro verso gli imprenditori. Chi sapeva e non ha controllato si deve assumere almeno le responsabilità politiche".
A seguire il Presidente del Consiglio Giuseppe Esposito dichiara la sospensione momentanea dei lavori per trovare una quadra sulla tematica all'ordine del giorno, con una soluzione: convocare la commissione trasparenza, con la presenza dei capigruppo, per predisporre un documento di sintesi da poi portare all'attenzione dell'aula consiliare il prossimo 12 marzo. Al momento delle votazioni del provvedimento, però, è il primo cittadino Giuseppe Canfora ad intervenire: “Non si può parlare di una nostra ipocrisia, quando qui c’è chi ha fatto affari con la Cofaser”. Immediata, la reazione della minoranza, con il consigliere Giovanni Montoro che abbandona l’aula per l’affermazione fatta dal Sindaco. Pochi minuti dopo, prende la parola ancora Domenico Crescenzo “Voi avete aumentato lo stipendio del Direttore del Consorzio Luigi Napoli e presieduto tutte le assemblee dove si dava il via libera a spese assurde”. Ma l'apice si raggiunge, quando il consigliere comunale della Lega Sebastiano Odierna, con un passato all'ente provinciale esclama “Sindaco hai fatto un debito di 3 milioni di euro con il Cofaser, il sistema lo hai collaudato bene”. A sua volta, Canfora: “Tu hai fatto un buco di 30 milioni alla Provincia insieme ai tuoi amici”. Odierna scoppia: “Sindaco sei un ce…”. Affermazione che porta la consigliera di maggioranza Maria Manzo ad abbandonare l’aula per i toni troppo accesi. Walter Giordano della Lega conclude gli interventi “Sindaco con il suo colpo di coda da showman ha distolto l’attenzione da quello che era il tema centrale”. Alla fine della seduta la proposta deliberativa non viene approvata, tutto viene rinviato al 12 marzo 2020, quando si riunirà nuovamente il consiglio per lo stesso tema all'ordine del giorno, ma prima deve passare tutto per la commissione trasparenza. Intanto, sulla vicenda Cofaser indaga anche la Procura della Repubblica di Nocera Inferiore e la Procura della Corte dei Conti.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2