Sarno. L’avvocato del Comune lascia l’incarico sulla Prt: "Non ci sono i presupposti"

03 Luglio 2020 Author :  

Sarno. L’avvocato del Comune lascia l’incarico sulla Prt "Non ci sono i presupposti per agire in giudizio". Vertenza contro la Polyurethan Recycling Technology, l’avvocato Gaetano Paolino comunica la volontà di rinunciare all’incarico per la mancanza dei presupposti giuridici. Nello specifico, a seguito del violento rogo che colpì uno dei depositi industriali della azienda leader del settore dei rifiuti di via Ingegno, l’ente municipale decise di conferire l’incarico legale all'avvocato Gaetano Paolino per chiedere l'annullamento dei decreti della Regione Campania del 28 novembre 2019 e del 25 febbraio 2020 che autorizzano la Prt allo scarico delle acque reflue, alle emissioni in atmosfera dell'impianto e alla realizzazione di una vasca di 30 metri cubi, dedicata alla raccolta delle acque di spegnimento di eventuali Incendi. L’azione legale, da proporre tramite Ricorso straordinario al Capo dello Stato, sarebbe potuta risultare vana secondo il professionista salernitano, il quale con un riscontro parziale degli atti concernenti l’iter procedimentale seguito dalla Prt, ha rimesso l’incarico onde evitare una declaratoria di inammissibilità del ricorso. A darne notizia è stato il consigliere di minoranza Giovanni Montoro «Appare paradossale la rinuncia all'incarico legale dell'avvocato nominato dal Comune di Sarno per proporre ricorso straordinario al Presidente della Repubblica avverso i decreti autorizzativi della Regione Campania per la questione PRT srl. È lo stesso avvocato Gaetano Paolino a comunicare al comune la volontà a rinunciare ad un incarico di circa ventimila euro lordi per la mancanza di presupposti giuridici. Dalla stessa nota inviata dall'avvocato emerge con chiarezza che il Comune di Sarno non ha mai espresso parere negativo durante i processi autorizzativi in fase di convocazione delle conferenze di servizio relative agli impianti di trattamento dei rifiuti. Questa è una grave responsabilità, già più volte denunciata e fatta emergere dalle opposizioni. Tale comportamento di inerzia dell'ente determinerebbe, secondo lo stesso avv. Paolino, l'inutilità di un ricorso straordinario al Capo dello Stato per mancanza di ogni presupposto giuridico. Oltre il danno anche la beffa per la città di Sarno e la sua collettività che paga il conto amaro di tanta incapacità. I nostri amministratori sono tanto incapaci da arrivare anche ad essere smentiti dagli avvocati da loro stessi nominati. Nelle settimane scorse, ci sono state dichiarazioni forti di assessori della giunta Canfora orientate a rassicurare i cittadini per il problema rifiuti, che pubblicizzavano, in modo energico, di essersi costituiti in giudizio contro le autorizzazioni rilasciate dalla Regione Campania. Oggi ci accorgiamo che la situazione è totalmente diversa da quanto raccontato ai cittadini in questi mesi. Resta da capire e chiarire come mai il legale incaricato dal Comune di Sarno a costruirsi in giudizio abbia comunicato la sua rinuncia all'incarico solamente il giorno 11 giugno 2020, visto che l'incarico è stato attribuito dal comune di Sarno il giorno 22 aprile 2020. Ancora una volta, viene certificata l'incapacità dell'amministrazione Canfora nel perseguire e difendere gli interessi pubblici in tema ambientale»

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2