The Latest

Non è servita l'ultima supplica di Massimo Bossetti, peraltro ben oltre il tempo limite: "Ripetete il Dna perché non è mio". I giudici della Corte d'assise di Bergamo hanno dimostrato di pensarla diversamente sulla cosiddetta 'prova regina' e, dopo oltre dieci ore di camera di consiglio, ne sono usciti pronunciando "nel nome del popolo italiano" la parola che il muratore di Mapello più temeva: "ergastolo". E ne hanno aggiunte altre, di parole, forse altrettanto dolorose per Bossetti: non avrà più la patria potestà sui suoi tre figli, ancora minorenni. Bossetti ha accolto la sentenza senza scomporsi, sollevando gli occhi al cielo. Poco dopo, ai suoi legali ha detto "Non è giusto, è una mazzata, avevo fiducia nella giustizia". Per Massimo Bossetti fine pena mai - Non è servita l'ultima supplica di Massimo Bossetti, peraltro ben oltre il tempo limite: "Ripetete il Dna perché non è mio". I giudici della Corte d'assise di Bergamo hanno dimostrato di pensarla diversamente sulla cosiddetta 'prova regina' e, dopo oltre dieci ore di camera di consiglio, ne sono usciti pronunciando "nel nome del popolo italiano" la parola che il muratore di Mapello più temeva: "ergastolo". E ne hanno aggiunte altre, di parole, forse altrettanto dolorose per Bossetti: non avrà più la patria potestà sui suoi tre figli, ancora minorenni. Bossetti ha accolto la sentenza senza scomporsi, sollevando gli occhi al cielo. Poco dopo, ai suoi legali ha detto "Non è giusto, è una mazzata, avevo fiducia nella giustizia". Fuori dall'aula le due donne della sua vita che hanno voluto essere presenti in aula, la moglie, Marita Comi, e la sorella gemella, Laura Letizia, si sono abbracciate a lungo, il volto solcato di lacrime. Per i giudici, quindi, è stato è stato il muratore di Mapello a prendere Yara il 26 novembre del 2010 e a ucciderla, nel campo di Chignolo d'Isola dove il corpo della tredicenne di Brembate di Sopra sarà trovato tre mesi dopo. E lo ha fatto con quella crudeltà che costituisce l'aggravante che ha comportato il carcere a vita, pur senza quei sei mesi di isolamento chiesti dall'accusa. I giudici l'hanno assolto, invece, magra consolazione, dall'accusa di aver calunniato il collega di lavoro, Massimo Maggioni verso il quale avrebbe cercato di indirizzare le indagini, "perché il fatto non sussiste". Ha retto, quindi l'impostazione del pm Letizia Ruggeri secondo la quale non è stato accertato un movente né una "dinamica che si possa affermare con sicurezza" dell'omicidio ma esisteva "il faro", "la prova" contro Bossetti, il suo Dna sul corpo della vittima e "un corollario di indizi gravi, precisi e concordanti": i suoi tabulati telefonici, le immagini del suo furgone nelle telecamere di sorveglianza, le fibre di tessuto sul corpo della vittima, riconducibili al suo furgone. I giudici, in un'aula surriscaldata, dopo quasi sei anni dalla scomparsa e contestuale omicidio di Yara, hanno calato il primo sipario (scontato il ricorso in appello) su un processo durato quasi un anno, con 45 udienze e centinaia di testimoni: hanno stabilito che è stato Giuseppe Massimo Bossetti, 45 anni, muratore, sposato, padre di tre figli a uccidere Yara Gambirasio, tredici anni, quel plumbeo pomeriggio di quasi sei anni fa. I genitori della ragazza uccisa, dopo un calvario di anni, accolgono il verdetto con la sobrietà che li ha contraddistinti per tutta la vicenda. "Ora sappiamo chi è stato, anche se sappiamo che nessuno ci restituirà Yara"
Pagina 91 di 94

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2