banner agro

Diffamazione: carcere a cronisti, decisione Corte in tempi brevi

22 Giugno 2021 Author :  

E' attesa in tempi brevi - potrebbe arrivare tra oggi e domani - la decisione della Corte Costituzionale sul carcere ai giornalisti per diffamazione aggravata. La questione di legittimita' sollevata dai tribunali di Bari e Salerno e' stata discussa in udienza pubblica questa mattina dai 'giudici delle leggi' i quali, un anno fa, decisero di rinviare il loro vaglio sollecitando un intervento del legislatore in materia. Dodici mesi sono trascorsi, ma non e' stata approvata una nuova legge, per cui la Corte Costituzionale si appresta ora a pronunciarsi. La questione di legittimita' riguarda l'articolo 13 della legge sulla stampa (n.47/1948) e l'articolo 595, terzo comma, del codice penale: la prima disposizione censurata punisce la diffamazione a mezzo stampa consistente nell'attribuzione di un fatto determinato con la reclusione da uno a sei anni congiunta alla multa non inferiore a cinquecentomila lire (258 euro), mentre l'articolo 595, terzo comma, del codice penale punisce la diffamazione aggravata dall'uso della stampa, di qualsiasi altro mezzo di pubblicita' o dell'atto pubblico con la reclusione da sei mesi a tre anni o la multa non inferiore a 516 euro. Le previsioni censurate, secondo il tribunale di Salerno - chiamato a pronunciarsi sulla responsabilita' di un giornalista e del direttore responsabile di una testata giornalistica (il primo per la condotta di diffamazione a mezzo stampa, ai sensi delle disposizioni in questione e il secondo per quella di omesso controllo sul contenuto del quotidiano) - sarebbero contrarie a diversi principi sanciti dalla Costituzione: gli articoli 3 e 21 della Costituzione, secondo il giudice rimettente, sarebbero violati dalla previsione di una pena detentiva "irragionevole e sproporzionata" rispetto alla liberta' di manifestazione di pensiero, nonche' "lesiva del principio di offensivita' e del principio della finalita' rieducativa della pena". Sia i giudici di Bari che quelli di Salerno, ritengono infine che la previsione di una pena detentiva per i reati di diffamazione a mezzo stampa sarebbe in contrasto con la giurisprudenza della Corte di Strasburgo in quanto, salvo casi eccezionali, incompatibile con la liberta' di espressione. Tra i punti focalizzati in udienza dal giudice relatore, Francesco Vigano' (che ha chiesto alle parti intervenute - tra queste il Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti - di esprimersi in particolare su questi), anche i temi del "linguaggio d'odio" e la posizione, relativa alla diffamazione a mezzo stampa, non solo dei giornalisti iscritti all'Ordine, ma anche di chi scrive, ad esempio, su web e blog.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2