banner agro

Le case del futuro? Saranno in legno ed ecosostenibili

26 Novembre 2021 Author :  

Nel corso del secolo scorso il progresso tecnologico è accelerato in maniera esponenziale e ha trasformato in realtà molte delle idee che erano state preconizzate soltanto nei libri.

Le meraviglie tecnologiche descritte nei racconti di Jules Verne, che a fine '800 erano considerate pura fantascienza, nei decenni successivi sono state tutte concretizzate infatti; l'apice è stato poi raggiunto nel 1969, quando l'uomo è sbarcato per la prima volta sulla Luna realizzando la più grande delle visioni dell'illustre scrittore francese.

Col passare degli anni e con la diffusione capillare della tecnologia anche il nostro stile di vita è notevolmente cambiato, soprattutto in ambito domestico.

Rispetto al passato si sono notevolmente affinate le tecniche di costruzione, sono entrati in campo nuovi materiali, l'impiego di elettrodomestici e dispositivi elettronici è diventato sempre più massiccio e il concetto di domotica è uscito dalla ristretta cerchia dei progettisti per diventare una realtà sempre più diffusa, anche nelle costruzioni di vecchia data.

Per quanto riguarda nello specifico il concetto di casa intelligente e tutto ciò che ruota nella sua orbita, quelle che in passato erano percepite soltanto come concettualizzazioni del futuro hanno smesso di essere tali e sono divenute comuni realtà. I sistemi principali di un'abitazione, come l'impianto elettrico, l'impianto idrico e quello di riscaldamento infatti, sono ormai progettati tenendo conto della loro eventuale integrazione all'internet of things, e lo stesso discorso vale per gli elettrodomestici e i dispositivi multimediali.

La rete offre moltissime risorse anche dal punto di vista dell'arredamento e delle possibili soluzioni, basta infatti citare siti come https://unasensazioneperfetta.it per rendersene conto.

Al giorno d'oggi, quindi, anche una vecchia abitazione può essere dotata di impianti ed elettrodomestici in grado di essere gestiti da remoto mediante uno smartphone o un tablet; com'è cambiata allora l'idea di casa del futuro negli ultimi anni? E quali sono i nuovi concept che riguardano le abitazioni destinate alle prossime generazioni? Andiamo a scoprirlo insieme.

 

La parola chiave è sostenibilità

In cambio del progresso tecnologico l'umanità, e soprattutto il nostro pianeta, hanno dovuto pagare un prezzo molto alto.

L'aumento della popolazione in seguite alle migliorate condizioni di vita, l'incremento nell'utilizzo di macchine ed elettrodomestici, il potenziamento delle industrie e molti altri fattori hanno dato origine a diversi problemi, a cominciare dall'inquinamento e alle sue conseguenze estreme.

La meta comune di architetti e ingegneri, quindi, è quella di realizzare abitazioni che siano sostenibili, non solo in termini di impatto ambientale ma anche umano.

Dal punto di vista dell'impiantistica è già stato fatto molto sotto questo aspetto; se le caldaie a condensazione alimentate a gas continuano a rappresentare l'alternativa più vantaggiosa per molti, infatti, nei prossimi decenni la situazione cambierà drasticamente in favore degli impianti basati su tecnologie a basso impatto, come le pompe di calore, e alimentati da fonti di energia rinnovabili, come i pannelli solari fotovoltaici.

Questi ultimi sono sempre più diffusi ormai, grazie anche agli incentivi fiscali messi a disposizione dei cittadini; in futuro però, la diffusione di nuove tecnologie, come per esempio quella dei pannelli fotovoltaici stampabili, potrebbe abbattere drasticamente i costi contribuendo a ulteriori progressi sul percorso verso l'esclusivo utilizzo delle fonti rinnovabili.

 

Materiali di costruzione e bioedilizia

Nell'ambito delle costruzioni abbiamo assistito a un utilizzo sempre più diffuso di materiali innovativi, soprattutto quelli ottenuti mediante sintesi chimica; le resine epossidiche, per esempio, hanno rivoluzionato diversi settori dell'edilizia.

Il rovescio della medaglia, però, è che molti di questi materiali, per quanto innocui per la salute umana, hanno avuto un pesante impatto ambientale a causa dell'inquinamento generato dai loro processi produttivi. Di conseguenza i ricercatori sono concentrati nel trovare nuove soluzioni e materiali più virtuosi.

Per le abitazioni del futuro entra quindi in campo il concetto di bioedilizia; i materiali da costruzione saranno ecologici e ricavati da fonti rinnovabili, quindi caratterizzati da un basso impatto ambientale ed energetico.

Da questo punto di vista, per esempio, sono attualmente in fase di sperimentazione materiali come la fibra di legno ricavata dagli scarti di lavorazione delle segherie e delle falegnamerie, la fibra di cocco, scelta per la sua resistenza alle muffe e per le sue caratteristiche isolanti, la paglia e il sughero.

La bioedilizia punta a costruire case che siano ecosostenibili e in grado di assicurare il massimo del comfort al tempo stesso; la ventilazione naturale sarà sfruttata per offrire un continuo ricambio d'aria, in modo da eliminare le particelle inquinanti, polvere e allergeni e ridurre al minimo l'uso di apparecchi elettrici per la purificazione e la climatizzazione. Anche per il riscaldamento si punterà a sfruttate le risorse naturali, a cominciare dall'isolamento termico delle abitazioni e dalla disposizione intelligente degli spazi abitativi orientandoli verso sud.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2