L'esempio del Cilento per la tutela del territorio e delle bellezze naturali

07 Luglio 2017 Author :  

 

Dal Cilento parte la sfida per tutelare il territorio, valorizzare le bellezze nazionali e le buone pratiche in campo ambientale rilanciando economia e occupazione. È l’impegno che Legambiente chiede ai sindaci delle “5 Vele” che oggi saranno premiati a San Marco di Castellabate, in occasione dell’arrivo della Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente a tutela del mare e delle coste italiane.

 

L’appuntamento è alle ore 20 di oggi, venerdì 7 luglio 2017, con la presentazione della Guida Blu - Il Mare più bello di Legambiente e Touring Club Italiano che quest’anno offre ai suoi lettori una nuova bussola, quella dei comprensori turistici, per orientarsi tra le tante località marine e lacustri della Penisola.

All’incontro saranno presenti: Costabile Spinelli, Sindaco di Castellabate; Tommaso Pellegrino, Presidente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni – AMP Castellabate; Michele Buonomo, Presidente Legambiente Campania; Corrado Matera, Assessore al Turismo Regione Campania; Sebastiano Venneri, Responsabile Mare Legambiente; Raffaele Esposito, Presidente Confesercenti Salerno; Pasquale Colella, Legambiente Castellabate. È stato invitato l'On. Vincenzo De Luca, Presidente Regione Campania.

Saranno presenti i Sindaci dei Comuni a cui sono state assegnate le 5 vele della Guida Blu 2017 del comprensorio Cilento: Ascea, Camerota, Capaccio, Casal Velino, Castellabate, Centola-Palinuro, Cetara, Montecorice, Pisciotta, Pollica-Acciaroli e Pioppi, San Giovanni a Piro-Scario, Sapri, San Mauro Cilento.

In Campania sono stati premiati con 5 vele il comprensorio turistico Sud Cilento (con Pollica Acciaroli e Pioppi, miglior comune, seguito da Camerota, Centola-Palinuro, Castellabate, San Mauro Cilento, Pisciotta, Montecorice, Casal Velino e Ascea) e la Costa di Maratea e il Golfo di Policastro (con Maratea come comune di spicco seguito da Sapri (Sa) e San Giovanni a Piro-Scario (Sa) e Vibonati).

“La Guida Blu quest’anno cambia metodo di valutazione e premia i comprensori turistici, perché siamo convinti che oggi la vera sfida non si basi sulla competizione tra comuni, ma sul mettere in campo politiche di valorizzazione tra le varie amministrazioni mettendo in sinergia quelle esperienze territoriali di successo, basate su offerta turistica e scelte innovative in tema di tutela, conservazione e gestione del territorio, con le strategie d’area – commenta Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania - . Ma c’è un altro motivo, non meno importante, che ci ha suggerito questa modifica: è una considerazione che ha a che fare con le caratteristiche che sta assumendo il fenomeno turistico, sempre meno stanziale e sempre più fatto di esperienze e scoperte sul territorio. La risposta a questo tipo di turismo deve essere all’altezza del cambiamento e non può venire quindi da un singolo Comune, ma c’è bisogno sempre più di una risposta corale, di sistema. I Comuni campani - conclude Buonomo di Legambiente - dovranno avere la capacità di presentare un’offerta di ospitalità integrata che sappia articolarsi attraverso le mille occasioni di vacanza che il territorio è in grado di mettere in campo. Saranno insomma sempre più obbligati a fare sistema fra di loro, pena il declino. E noi proviamo ancora una volta a indicare loro la strada”.

Il Sud Cilento un’ampia fascia costiera che corre da Santa Maria di Castellabate fino a Marina di Camerota, impreziosito da ben due aree marine protette e dalla presenza di Pollica, un Comune che ha svolto e continua ad esercitare una funzione di traino rispetto al resto del territorio sviluppando in particolare i temi della promozione della Dieta mediterranea che qui ha trovato la sua culla e la sua consacrazione voluta dall’Unesco a patrimonio immateriale dell’Umanità.

Il Golfo di Policastro e Costa di Maratea abbraccia il tratto finale della provincia di Salerno e la costa lucana sulla quale troneggia la località di Maratea. Qui da tempo si lavora per percorsi di identità e valorizzazione del paesaggio. Più recentemente si è dato vita al recupero di antichi sentieri di costa per un turismo sostenibile e fuori stagione, itinerari mozzafiato che creano accessi a baie e spiagge nascoste. Il recupero di antichi sentieri di costa per un turismo sostenibile e fuori stagione, itinerari mozzafiato che creano accessi a baie e spiagge nascoste.

 

Gli altri appuntamenti della tappa di Goletta Verde in Campania

Martedì 11 luglio ore 11 – presso la Lega Navale di Salerno (piazza della Concordia) Presentazione dei risultati del monitoraggio delle acque in Campania svolto dall’equipe tecnica di Goletta Verde.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2