×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 730

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/puntoagronews.it/www/images/depuratore

×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/depuratore

Depuratore: nuova protesta estrema dei dipendenti di Scafati, Pompei e Angri

05 Maggio 2016 Author :  

I dipendenti del depuratore di nuovo in protesta sono saliti sul tetto di un Silos, stamane c'era il tavolo di confronto in Prefettura. La protesta è iniziata quando i 19 dipendenti hanno saputo che al tavolo non si era presentata la Regione Campania, l'unica secondo i lavoratori che può sbloccare la situazione e pretendere dalla Gori che le assunzioni siano effettuate con passaggio di cantiere con tutti i diritti acquisiti e non tramite il Jobs act che prevede un contratto ex novo per i 19 dipendenti attualmente in forza alla Termomeccanica srl a cui il 31 maggio scade il contratto per la gestione dell'impianto di depurazione del Medio Sarno che si trova tra Scafati, Angri, Sant'Antonio Abate, Pompei e Santa Maria La Carità. Insomma i lavoratori chiedono che si rispetti la legge regionale 15 del 2015 articolo 23 che prevede l'assunzione con trasferimento degli impianti e degli addetti con i requisiti acquisiti. Sul posto vigili del fuoco, tre auto dei carabinieri, la polizia locale e un'autoambulanza. 

AGGIORNAMENTO ALLE ORE 20 - Nel pomeriggio la ditta ha incontrato la Gori e i lavoratori. Per il lungo periodo, si sarebbe deciso un passo avanti importante. La prima contestazione di sindacati e lavoratori è stata l'assenza di un rappresentante della Regione Campania. Poi, però uno spiraglio: la Gori, come si legge dal verbale dell'incontro, propone in via definitiva la "possibilità di applicare ai dipendenti di Termomeccanica Ecologia spa, che verranno assunti con le modalità previste , le eventuali condizioni migliorative in ordine alla tutela occupazionale rispetto a quelle precedenti". Insomma, sarà applicato il Job acts: ma avverà solo dopo che la Gori avrà avuto l'ok della Regione, oggi assente. Intanto in serata un altro lavoratore si è aggiunto alla protesta salendo su un altro Silos: per lui sono state prese misure di sicurezza ancora più rigide, la sua posizione è infatti molto pericolosa. I dipendenti potrebbero restare lì fino a  tarda sera.

AGGIORNAMENTO ORE 22 -  Il numero dei dipendenti saliti sui silos è passato a 4: dopo l'esito negativo dell'incontro avvenuto stamane in Prefettura i lavoratori hanno deciso di continuare la protesta ad oltranza chiedono un incontro con la Giunta regionale della Campania assente stamane al tavolo convocato in Prefettura in segno di solidarietà sono arrivati anche i consiglieri comunali di Scafati. Erano presenti i consiglieri Mimmo Casciello, Teresa Formisano, Brigida Marra, Diego del regno, Pasquale De Quattro e Carmela Berritto i quali non hanno potuto fare altro che impegnarsi ad inviare una nota domani mattina all'indirizzo della Regione Campania affinché prenda gli opportuni provvedimenti per questa grave situazione. In serata è arrivato sul posto anche il consigliere regionale Alberico Gambino che si è impegnato personalmente promettendo di interfacciarsi con la Giunta regionale tra sabato e lunedì. Assente invece il consigliere Monica Paolino. Intanto i lavoratori non vogliono saperne di scendere dai silos. Vani anche i tentativi del Maggiore Calandro che ha cercato di far desistere i dipendenti. 

  

{gallery}depuratore{/gallery}

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2