Salvini a Salerno: "Dobbiamo liberare la Campania dai De Luca"

06 Maggio 2019 Author :  

Mentre i sostenitori di Matteo Salvini lo stanno applaudendo a Piazza Portanova, a Salerno, a pochi metri, si è svolto il corteo 'Salerno non si lega'. 200, secondo le forze dell'ordine, le persone presenti sul corso cittadino. Tanti giovani, extracomunitari, rappresentanti di associazioni partecipano al corteo dove si intonano slogan contro il segretario della Lega. Molti assessori e consiglieri del Comune di Salerno presenti insieme ai giovani democratici e al segretario del Pd Enzo Luciano. Tra gli assessori Eva Avossa, Mimmo De Maio, Angelo Caramanno, Luigi Della Greca, Dario Loffredo, Nino Savastano e i consiglieri comunali Paki Memoli, Peppe Ventura, Rosa Scannapieco e Fabio Polverino.

"Dobbiamo liberare la Campania dai De Luca e da chi distrugge la sanita'". Lo ha detto a Salerno il ministro dell'Interno e leader della Lega, Matteo Salvini. "Per M5S ci sarebbe un 'patto' tra me e De Luca? Non me ne sono mai accorto, con il Pd non e' che io vada molto d'accordo". A chi gli ha poi chiesto un commento sulla nomina del commissario della sanita' in Campania, ha risposto: "Ognuno fa il suo mestiere, io faccio il ministro dell'Interno".

QUESTIONE MIGRANTI

"I porti sono e rimangono chiusi perche' prima vengono gli italiani in difficolta'". "Se quel signore che fischia laggiu' - ha detto dal palco - vuole ospitare gli immigrati, ha vinto dieci clandestini per colazione pranzo e cena". "Abbiamo tolto la pagnotta a chi guadagnava sull'immigrazione"."Vi garantisco coraggio e onesta', piu' ci attaccano e minacciano e piu' vado avanti come un treno".

SULLA SPARATORIA A NAPOLI

 

Sulla sparatoria a Napoli e il ferimento della bambina, Salvini commenta: "Spero che arrestino presto quel delinquente che ha sparato alla bimba di 4 anni, speriamo che vinca la sua battaglia. Per le mafie non c'e' presente e futuro. Dove c'e' puzza di mafia e camorra lo Stato c'e'". Cosi', a Salerno, il ministro dell'Interno Matteo Salvini."Per chi scappa dalla guerra l'Italia e' la casa loro. Ma io ho visto ventenni robusti con cappellino, telefonino a spacciare droga: questi tornano a casa".

POI SI TRATTIENE PER I SELFIE 

Centinaia di persone in fila a Salerno, per oltre un'ora, per un selfie con il ministro Matteo Salvini. Tra i tanti il 16enne Seck Mamadou, nato in Italia, originario dal Senegal. Accompagnato da un amico, ha voluto farsi una foto con Salvini perche', per lui, "e' un uomo perbene ma deve sistemare alcune cose e parlare in modo diverso. Nel mio Paese, una famiglia dove su sei figli, uno riesce ad andare via, quella e' l'unica speranza. I porti non vanno chiusi, Salvini deve seguire con piu' attenzione, pero', soprattutto questioni come il permesso di soggiorno, la carta di identita' per gli stranieri che vogliono mettersi in regola". In fila, anche molti giovani, padri e figli, fidanzati che hanno abbracciato Salvini congratulandosi "per il lavoro che sta svolgendo". Tra questi anche Marco, un bimbo di 15 mesi, accompagnato dal papa'. "Siamo venuti apposta - ha detto il padre - dalla Calabria per dare la mano a Salvini". Saluti nella lingua dei segni da parte del salernitano 65enne Alfredo, ricambiato da Salvini.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2