Scafati. Faucitano ucciso per un debito di droga: chiesto il processo per killer e mandanti

22 Giugno 2019 Author :  

Omicidio Faucitano, chiesto il processo per il killer e mandanti. Per un debito di droga, di 700 euro, Armando Faucitano fu ucciso il 26 aprile del 2015, con 13 colpi d'arma da fuoco in piazzetta Falcone e Borsellino, nella frazione San Pietro, in pieno giorno. Il pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia Giancarlo Russo, ha chiesto al pubblico ministero Pietro Indinnimeo il rinvio a giudizio per: Marcello Adini 38 anni, Carmine Alfano 35 anni, Vincenzo Alfano, 28 anni, Giovanni Barbato Crocetta 26 anni, Gaetano Esposito 38 anni, Antonio Matrone 39 anni, Vincenzo Pisacane 42 anni, Pasquale Rizzo 42 anni, Alberto Panico 42 anni collaboratore di giustizia. Tutti il prossimo 30 settembre compariranno dinanzi al Gip Indinnimeo presso l’aula bunker del carcere di Salerno. In tale data sarà celebrata sia l’udienza stralcio che l’udienza preliminare. Tutti rischiano il processo. Secondo l’impianto accusatorio ad uccidere Faucitano furono Carmine Alfano Alias Bim bum barn (considerato sia il mandante che l’esecutore e Marcello Adini. Mentre Pasquale Rizzo ebbe il compito di accompagnare la vittima sul luogo dell’agguato. A recuperare invece i due killer sarebbe stato Vincenzo Alfano (fratello di Carmine). Questi recuperò i sicari a bordo di un auto mentre abbandonarono il ciclomotore con il quaderno arrivati sul luogo dell’omicidio. Alfano e Adini uccisero Faucitano con tredici colpi di pistola calibro 9 ed un revolver.

AdMedia

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2