Traffico di droga tra Agro sarnese nocerino e Università di Fisciano: 14 misure cautelari

11 Ottobre 2019 Author :  

I carabinieri del Comando provinciale di Salerno stanno eseguendo un provvedimento cautelare, emesso dal gip salernitano, nei confronti di 14 indagati per associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti. I particolari dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terra', alle 10.15, in procura.

La droga veniva spacciata anche da qualche pusher che si portava dietro, "a protezione" il figlio di sette anni. Per gli inquirenti, quello messo su nell'agro nocerino sarnese e in alcune zone della Valle dell'Irno, nel Salernitano, era un "supermarket della droga" che rappresentava "un bancomat" per l'organizzazione criminale smantellata, all'alba di oggi, con 14 arresti da parte dei carabinieri. Tra le piazze di spaccio controllate dal gruppo, anche quella del campus universitario di Salerno a Fisciano. L'inchiesta coordinata dal pm della direzione distrettuale Antimafia di Salerno, Vincenzo Montemurro, e durata tre anni, ha portato tutti gli indagati in carcere con l'accusa di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio di droga. Lo smercio di cocaina, eroina e, soprattutto, crack avveniva nei comuni di Castel San Giorgio, Pagani, Nocera Inferiore, Nocera Superiore. "Qualche attivita' e' stata accertata nei pressi del campus universitario di Fisciano", sottolinea il procuratore aggiunto, Rocco Alfano, definendo quella dell'ateneo "una piazza particolarmente sensibile". Li', infatti, vi sarebbero state delle vedette sia all'ingresso che all'uscita. Le aree dove vendere gli stupefacenti erano suddivise in due gruppi: il primo attivo a Nocera Superiore, a Pagani e nei comuni limitrofi; il secondo, a Castel San Giorgio. Per i rifornimenti degli "ingenti quantitativi", che avvenivano direttamente nel quartiere di Scampia a Napoli, a Castel Volturno, nel Casertano, e a Pagani, era incaricato un pluripregiudicato ritenuto 'vicino' agli ambienti del clan Fezza D'Auria Petrosino. Se, da un lato, i metodi tradizionali utilizzati nello svolgimento dell'indagine hanno dato esiti positivi, dall'altro, un contributo importante e' stato fornito dalle dichiarazioni di almeno una decina di studenti universitari, segnalati come assuntori alla prefettura, che "probabilmente, nel momento in cui si sono resi conto di essere di fronte a uno scenario organizzativo e a uno scenario di criminalita' organizzata in divenire, hanno maturato anche una forma di collaborazione con l'autorita' giudiziaria che e' stata molto importante", spiega Montemurro. Intanto, del coinvolgimento di alcuni minori "utilizzati inconsapevolmente per l'attivita' di ausilio alla organizzazione criminale", aggiunge il pm antimafia, esistono "una serie di atti e di conversazioni telefoniche" che sono state trasmesse al tribunale dei minorenni "per le valutazioni necessarie". Dal novembre del 2016 a oggi, una persona e' stata arrestata in flagranza e sono stati sequestrati circa 100 grammi di cocaina. Il blitz e' scattato alle 4 di oggi e ha visto impegnati 90 carabinieri con 25 auto del comando provinciale di Salerno, guidato dal colonnello Gianluca Trombetti, e 3 unita' cinofile. Dei 14 indagati, quattro erano gia' destinatari di altra misura cautelare. Il procuratore aggiunto Alfano sottolinea come il mercato degli stupefacenti consenta "di avere liquidita' immediata" che permette "alle organizzazioni criminali di essere sul mercato illegale dove chi ha piu' soldi da poter spendere riesce, spesso, ad avere prezzi migliori", con la conseguenza diretta di riuscire ad avere, poi, "un ricavo maggiore dall'attivita' di spaccio".

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2