Scafati. Soldi non dovuti ai dipendenti: condannati tre ex assessori e un funzionario

17 Gennaio 2020 Author :  
“Progetti obiettivo” del 2010: arrivano le condanne per 4. Erogazioni “a pioggia” per i dipendenti, soldi non dovuti, la Magistratura contabile condanna tre ex assessori e un funzionario per danno erariale. La Corte dei Conti, seconda giurisdizione di Appello, ha confermato le condanne per gli tre ex componenti della Giunta dell'ex sindaco Pasquale Aliberti, quali il vice sindaco Giacinto Grandito, gli assessori Stefano Cirillo e Giancarlo Fele, nonché la funzionaria Maddalena Di Somma. I fatti risalgono all'anno 2010, quando, secondo la Procura della Corte dei Conti, furono erogati dal Fondo incentivante del personale dei compensi senza alcuna verifica dei risultati e secondo il metodo della ripartizione a “pioggia". Da qui la responsabilità prospettata a carico degli amministratori che avevano espresso voto favorevole alla deliberazione della Giunta comunale del 20 ottobre 2010 di costituzione del fondo, e della funzionaria che aveva sottoscritto la delibera con il parere di regolarità tecnica. Inizialmente, le accuse della Procura per i convenuti in giudizio furono pesantissime, con una richiesta di condanna al pagamento di 642 mila euro, con una responsabilità prospettata con l'elemento soggettivo del dolo. In primo grado però, la Sezione territoriale della Corte dei Conti, escluse il dolo nella condotta ed appurato, invece, quello della colpa grave, rideterminando il danno in via equitativa al pagamento della somma di euro 10 mila per Cirillo,Grandito, Fele e Di Somma. Avverso tale decisione i soccombenti proposero appello eccependo la piena legittimità della delibera del 20 ottobre 2010, la quale secondo gli stessi, era oggetto di uno stanziamento pienamente conforme, quanto alle finalità e alle modalità di erogazione. Ed eccependo, in secondo luogo, un errore di giudizio per mancata applicazione della cosiddetta “scriminante politica, e la carenza di colpa grave nella condotta. Il Collegio di Roma,della seconda giurisdizione di Appello della Corte dei Conti, nel confermare la condanna di primo grado, ha rimarcato la statuizione adottata dalla sezione territoriale “Nel merito è coerentemente osservato come l’erogazione del fondo fosse stata disposta in assenza dei necessari parametri di misurazione e valutazione preventivamente fissati e senza che fosse stata adeguatamente dimostrata una corrispondente produttività dei beneficiari”. Quindi per Grandito, Cirillo, Fele e Di Somma si tratta di una duplice condanna al pagamento di 10 mila euro ciascuno, avverso una contestazione iniziale di 640 mila euro per danno erariale sollecitata dalla Procura regionale della Corte dei Conti. Tale richiesta iniziale non fu accolta dalla Magistratura contabile poiché il dolo, in sede di primo grado, fu riqualificato in colpa grave. Sempre in sede di primo grado di giudizio, inoltre, vi erano anche altri amministratori scafatesi coinvolti nel processo, quali il Sindaco Pasquale Aliberti e gli assessori Pasquale Coppola, Guglielmo D'Aniello, e il segretario generale del Comune Immacolata di Saia. Per questi ultimi, però, e vari dipendenti comunali, la Corte dei Conti accolse l'eccezione della prescrizione, scagionandoli da tutte le accuse.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2