Sarno. "Monitoraggio ambientale nell’area Pip", la richiesta degli industriali di via Ingegno all'amministrazione comunale

21 Maggio 2020 Author :  
Monitoraggio ambientale nell’area Pip di Sarno, è questo quello che chiedono gli industriali di via Ingegno che, ieri mattina a palazzo San Francesco, hanno incontrato l’amministrazione comunale per avanzare le proprie richieste. “La situazione ambientale dell'area industriale di Sarno deve essere monitorata in continuo, questa è una richiesta fatta dal consorzio non da adesso, ma già da qualche anno. Spiega il presidente del Cais, dell’area Pip di Sarno, Umberto Adiletta – Purtroppo, il mancato completamento dell'area ostacola la definitiva entrata a regime dell'amministrazione della stessa e così sembra che ci siano delle zone di penombra nelle quali qualcuno non opera nella completa regolarità. Questo non vuol dire che ci sia cattiva volontà, ma forse, e me lo auguro, semplicemente non c'è una completa conoscenza di quanto deve essere fatto per lavorare nella piena legalità e rispetto di tutti coloro che operano in questo comprensorio. Già in passato abbiamo più volte aperto un ragionamento con l'amministrazione comunale, ma non siamo mai giunti a definire un piano di interventi che potesse monitorare e regolamentare le emissioni: aria, acqua, acustiche eccetera, derivanti dallo svolgimento delle attività di impresa. Ritengo che sia ormai giunto il momento indifferibile di sottoscrivere un protocollo che permetta di controllare la qualità ambientale dell'area industriale, così anche da essere di ausilio agli stessi imprenditori che dovessero loro malgrado non rispettare completamente quanto imposto dalla norma e dal rispettoso operare. Ritengo che laddove dovessero sorgere delle negatività insieme queste vanno rimosse, concordando il da farsi per la tutela assoluta sia della qualità ambientale, sia del lavoro, che pure è fondamento per la vita della nostra comunità”. Ieri mattina l’incontro al Comune di Sarno tra una rappresentanza di industriali dell’area Pip, il sindaco di Sarno Giuseppe Canfora, l’assessore all’ambiente del comune di Sarno Roberto Robustelli e altri esponenti dell’amministrazione comunale, proprio per esporre le proprie richieste. “Abbiamo chiesto all’amministrazione comunale – continua Umberto Adiletta - un monitoraggio ambientale da parte di un organo competente che sia l'Arpac, o qualche altra società scelta dall'amministrazione comunale, ma chiediamo l'istallazione delle centraline. Tutto questo per verificare con precisione se c'è inquinamento, ma soprattutto per fare prevenzione. Non siamo per la distruzione dell'ambiente, ma bisogna fare tutto nel rispetto della legge, chi sbaglia paga sicuramente ma, innanzitutto, vogliamo capire chi inquina. Altra cosa che chiediamo con forza è velocizzare i lavori per il collegamento della rete fognaria dell’area Pip al collettore. Sono ormai 15 anni che lottiamo per questo, ma ad oggi ancora non abbiamo avuto risposte. Questo significa maggiore inquinamento ma, soprattutto, maggiori costi per le aziende”, conclude Adiletta. Intanto, questa sera alle ore 17 in prima convocazione e alle 18 in seconda convocazione si terrà un consiglio comunale monotematico sulla questione ambientale a Sarno dove la maggioranza porterà in aula un documento per dire stop all’insediamento di nuove aziende, l’amministrazione comunale chiede che Sarno sia dichiarata non idonea alla localizzazione di impianti di recupero e smaltimento di rifiuti.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2