Progressioni economiche orizzontali per i dipendenti del Comune di Salerno, l’appello di Csa

13 Novembre 2018 Author :  

Al Comune di Salerno continua il confronto tra sindacati e parte pubblica per la definizione delle Progressioni economiche orizzontali. Le parti, al momento, sono entrambe favorevoli e ben disposte, ma discordanti per la percentuale degli idonei (rappresentanti sindacali unitari 70% contro parte pubblica 50%). I rappresentanti dei lavoratori confidano in un risultato positivo in quanto già accordi sottoscritti per le annualità 2015, 2016 e 2017, con gli stessi componenti del Comune di Salerno, si sono conclusi accordi con l'applicazione del 70%.

“Il primo argomento che si affronterà sarà la costituzione del Fondo Salario Accessorio Anno 2018 - oramai a termine - che per volontà del Comune dovrà essere decurtato da una somma pari ad 1.328.931,15 euro in quanto occorrono recuperare, per 13 annualità, la somma complessiva di 17.276.105 euro e da noi subito definita “indigesta” per anomalie contabili contestate dal ministero dell’Economia, avvenute negli anni che partono dal 2004 e arrivano al 2017 come meglio indicato nel riepilogo redatto dall’Ente e già fornito ai sindacati”, ha detto Angelo Napoli della Csa provinciale.

Per il sindacato pare un’ingiustizia far recuperare le somme ai nuovi assunti e/o mobilità volontaria che sono già in servizio o che verranno da qui fino ai prossimi tredici anni, poiché l’Amministrazione ha in programmato un piano assunzionale di 200 lavoratori. “Ragionandoci sopra non si comprende la genesi di tale somme se dovute per sentenze definitive o provvedimenti ingiuntivi e chi è stato il soggetto interessato dai provvedimenti, in quanto noi lavoratori e “terminali” delle conseguenze, a detta dalla parte pubblica, non ci è stato dato modo di controdedurre e difendersi”, ha continuato Napoli. “Infine, se tali somme provengono per una non corretta applicazione delle norme sulla costituzione di Fondo Salario Accessorio o per una erogazione di somme non conforme al contratto nazionale di categoria vigente nei momenti della spesa si deve provvedere ad eseguire il recupero presso i “soggetti” interessati e non eseguire un taglio generalizzato ai solo attuali dipendenti presenti nell'Ente. Nel caso non si dovesse giungere ad un accordo ragionevole e sopportabile come sindacato siamo del parere che unitamente alla rappresentanza sindacale unitaria venga indetto un referendum tra i lavoratori, ma, se questo non avvenisse, si dovrà dare mandato ad un legale per l'opportuna tutela dei lavoratori rappresentati”.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2