×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 730

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/puntoagronews.it/www/images/depuratore

×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/depuratore

Agro/Scafati: depuratore, dipendenti a rischio protestano contro Gori

02 Maggio 2016 Author :  

Nuova protesta agli impianti del depuratore in gestione Gori al confine tra Scafati, Angri e Pompei: lavoratori sul piede di guerra in via Ferraris. La polemica nasce perché la ditta li vuole assumere con un contratto a tutela crescente, invece i sindacalisti Gargiulo, Roccolano e Ferraioli di Cgil, Fiadel e Cisl non sono d'accordo. Il problema è che la scadenza contrattuale è al 31 maggio tra Gori e Termomeccanica srl, e da quella data in poi, non ci saranno nuove tutele. Nelle more della legge regionale che trasferisce gli impianti a Gori, resta dubbia la scelta della società che gestisce il sistema idrico che non vuole rinnovare più a Termomeccanica i contratti ai 19 lavoratori. Il trasferimento sarebbe stato già effettuato, ma manca lo stato di consistenza: i lavoratori chiedono come prevede la legge, il trasferimento verso la nuova società, con contratto a tempo indeterminato. Eppure il loro lavoro è importantissimo ma pare che nessuno vuole ascoltarli sebbene gestiscano un impianto, in esercizio dal gennaio 2010, che serve 400mila abitanti. L'investimento sul lavoro e sull'intervento è anche fondamentale per la problematica socio economico ambientale del  bacino del Sarno. Questi lavoratori, infatti, erano stati formati pure per  condurre la struttura una volta finita. Invece oggi, sono entrati a lavoro solo i dipendenti della centrale operativa H24 della Gori, restano invece fuori gli altri. Sul caso è stato sollecitato anche il Prefetto e sono intervenute le forze dell'ordine sul cantiere: addirittura un operaio si è sentito male a seguito della protesta.

 MOVIMENTO 5 STELLE -  “Siamo accanto ai  lavoratori degli impianti del depuratore in gestione Gori  al confine tra Scafati, Angri e Pompei che rischiano di ritrovarsi con contratti da precari”. Lo dice il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano, in merito alla protesta dei 19 dipendenti della ditta Termomeccanica. “La scadenza contrattuale tra Gori e Termomeccanica srl, è al 31 maggio - spiega - e da quella data in poi, pare non ci saranno nuove tutele per i dipendenti con la conseguenza che i contratti da tempo indeterminato diventeranno a tutela crescente”. “Il lavoro di questi dipendenti è essenziale - aggiunge - si trovano a gestire un impianto, in esercizio dal gennaio 2010, che serve 400mila abitanti”. “La legge regionale interviene e trasferisce gli impianti alla Gori - sottolinea Cammarano -  e i lavoratori chiedono, come prevede la normativa, il trasferimento verso la nuova società, con lo stesso contratto a tempo indeterminato e non un contratto che di fatto li rende precari”. “Il Movimento 5 Stelle - conclude - vigilerà sulla vicenda a tutela della salvaguardia dei lavoratori”.

 

{gallery}depuratore{/gallery}

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2