San Valentino Torio: Strianese lancia l'appello disperato all'opposizione per farsi votare il bilancio

09 Maggio 2019 Author :  

“Ho rinunciato al mio lavoro e alla mia professionalità per dedicarmi a questa città e per colpa di qualche irresponsabile ci ritroviamo in questa situazione”. Uno Strianese quasi in lacrime lancia l’appello disperato alle forze di opposizione e tenta il tutto per tutto per rimanere a galla e rimettere in sesto una barca, oramai, in balia del vento. Il sindaco e presidente della Provincia Michele Strianese si presenta alla conferenza stampa, in aula consiliare, con 6 consiglieri su 7 (assente il consigliere Giuseppe Pascale) per parlare della crisi amministrativa che ormai da settimane attanaglia il suo governo cittadino. Il 2 e 3 maggio scorso il consiglio comunale chiamato per l’approvazione del bilancio è andato deserto per l’assenza, non solo dell’opposizione, ma anche del presidente del consiglio comunale Pietro Vastola. Un’ assenza pesante che ha fatto venire meno una maggioranza già risicata, non permettendo di tenere il consiglio. Il sindaco e presidente della Provincia Strianese decide di incontrare così gli organi di stampa e cittadini per spiegare la situazione. Ma, a quante pare, una soluzione ancora non c’è, intanto i tempi stringono e il Prefetto mette fretta. Tutto dovrà concludersi per il prossimo 19 maggio: o dentro o fuori. “Le sedute del consiglio comunale del 2 e 3 maggio – spiega Strianese - sono andate deserte perché, noi come maggioranza, abbiamo deciso di non presentarci in aula semplicemente perché c’è stata l’assenza di un membro della maggioranza, nella persona del presidente del consiglio Pietro Vastola. Assenza mai comunicata, ne spiegata, sia al sindaco che alla maggioranza. Un comportamento che dal punto di vista politico è condannabile da me, come sindaco, e dalla maggioranza. Un atteggiamento non consono con quelli che sono i minimi canoni di rispetto istituzionale ma, soprattutto, di responsabilità nei confronti del consiglio, della città e del sindaco. Ancora oggi non conosciamo le motivazioni che hanno spinto Vastola a non presentarsi in aula. A noi non è arrivata nessuna comunicazione. Abbiamo fatto due riunioni: una il 29 e l’altra il 30, dove lo stesso Vastola era presente, per aggiornare tutti sulla questione San Valentino Servizi e sulla sfiducia al direttore Ettore De Vivo che, con un documento dell’11 aprile, sottoscritto da tutta la maggioranza, si è arrivati alla sfiducia politica al direttore De Vivo. A seguito di tale sfiducia non sono arrivate le dimissioni di De Vivo e abbiamo deciso per la revoca del direttore, oltre alle dimissioni concordate dal vecchio Cda per agevolare questa situazione all’interno della partecipata comunale. Abbiamo proceduto anche alla nomina del nuovo Cda, un consiglio di amministrazione di fiducia del sindaco. Il nuovo Cda, come d’altronde il vecchio, non è retribuito".

Amministrazione con una maggioranza risicata da tre anni

"Stiamo portando avanti, già da tre anni, il paese con una maggioranza risicata a 9 e quindi l’assenza di un consigliere è determinante. Nonostante tutto siamo andati avanti ottenendo dei risultati ottimi: abbiamo approvato Il Puc, che mancava da 21 anni, abbiamo proceduto al rinnovamento della classe dirigente e anche quello della San Valentino Servizi, forse proprio questo abbiamo pagato, ma non ci siamo piegati. Non ci siamo mai piegati a ricatti, perché non sono mai sceso a compromessi, e chi ci ha ricattato sta al posto suo. Tra mille problemi, anche dal punto di vista economico e finanziario, e non per colpa nostra, portiamo avanti il paese con dignità. Abbiamo fatto scelte coraggiose”.

Tutte le cose fatte in 4 anni dall'amministrazione Strianese

Poi passa ad elencare quanto fatto in questi anni e quanto resta da fare: “Oltre al Puc, abbiamo fatto un progetto da 3 milioni di euro che ci ha finanziato la Regione Campania che vede la riqualificazione di tante strade del comune, lavori che cambieranno il volto del paese. Tra tre giorni iniziano i lavori al campo sportivo per 100 mila euro, abbiamo ristrutturato il comune, abbiamo aperto un asilo nido, abbiamo fatto il progetto rotatorie. Ora bisogna approvare il bilancio altrimenti quanto fatto finora si perde nel nulla. Mi dispiace che una parte della minoranza di questo consiglio comunale assumono così tanto odio, tanta cattiveria nei confronti di chi amministra comune e provincia senza prendere una lira e in maniera del tutto volontaria”.

Sulla questione San Valentino Servizi

Poi Strianese torna sulla questione San valentino Servizi: “Per migliorare i servizi e far risparmiare ancora di più abbiamo deciso di cambiare i vertici alla San Valentino Servizi. Abbiamo chiesto di ridurre ancora di più le tariffe cimiteriali, ma non è stato fatto nulla di quanto avevamo chiesto. Qualcuno ha fatto ostruzionismo, qualcuno ha rallentato su diverse cose che noi avevamo chiesto, per questo siamo arrivati alla sfiducia politica nei confronti del direttore”.

L'appello alle forze di opposizione

Poi si rivolge all’opposizione “Mi appello alle forze di opposizioni di questo consiglio, gli assessori mi hanno rimesso simbolicamente le deleghe consentendomi di ragionare con chi ha la responsabilità di far proseguire questa amministrazione. Mi rivolgo al nuovo gruppo consiliare “Per San valentino Torio” e alle altre forze di minoranza di approvare il bilancio per un senso di responsabilità. C’è qualcuno che lavora per mandare a casa questo sindaco. Noi ci rivolgiamo a chi per un senso di responsabilità vuole darci la fiducia per proseguire”.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2