Sarno. "Il Presidente del consiglio comunale è antidemocratico", l'opposizione presenta esposto al Prefetto

12 Febbraio 2020 Author :  

"Il Presidente del consiglio comunale è antidemocratico", i consiglieri comunali di opposizione presentano esposto al Prefetto. I consiglieri comunali di minoranza del comune di Sarno: Giuseppe Agovino, Maria Rosaria Aliberti, Giovanni Cocca, Domenico Crescenzo, Walter Giordano, Giovanni Montoro, Sebastiano Odierna ed Antonello Manuel Rega presentano esposto al Prefetto di Salerno trasmettendo gli atti con i quali la seduta del consiglio comunale del 6 febbraio scorso è stato ritenuta “invalida” dal Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Esposito. Nel caso di specie, giovedì 6 febbraio si sarebbe dovuto tenere, in secondo convocazione, il consiglio comunale monotematico, convocato su richiesta della minoranza, con all'ordine del giorno la “Discussione, proposizione ed eventuale adozione provvedimenti per contrastare i fenomeni di devianza e disagio giovanile nel territorio del Comune di Sarno”. Lo stesso consiglio comunale, infatti, era già stato convocato per il 7 novembre 2019, dopo la richiesta dei consiglieri di opposizione protocollata il 25 settembre 2019, ma anche il quel caso la seduta del Consiglio Comunale veniva, in seguito all’appello, dichiarata deserta dal Presidente del Consiglio Comunale per mancanza del numero legale. Pertanto la richiesta della minoranza di convocarla in seconda convocazione.

Secondo gli 8 consiglieri di opposizione: "In data 6 febbraio 2020, malgrado all’appello risultassero presenti 10 Consiglieri Comunali su 24 e, quindi, nonostante fosse palesemente sussistente il numero legale previsto per le sedute di seconda convocazione dall’art. 52, commi 3 e 4, del vigente Statuto del Comune di Sarno il quale testualmente prevede che: “Nella seduta di seconda convocazione è in ogni caso necessaria per la validità dell’adunanza la presenza di almeno 1/3 dei Consiglieri assegnati. Nel computo del numero legale di cui ai precedenti commi 1 e 3 non si terrà conto della presenza del Sindaco.” Il Presidente del Consiglio Comunale, supportato dal parere del Segretario Comunale, dichiarava, in maniera del tutto inopinata, la seduta deserta per mancanza del numero legale, non tenendo alcun conto della nota con la quale i Consiglieri Comunali di minoranza presenti in aula chiedevano di proseguire i lavori della seduta, ai sensi dell’art. 52 commi 3 e 4 dello Statuto del Comune di Sarno e dell’art. 30 del Regolamento del Consiglio Comunale del Comune di Sarno, agli atti del Consiglio e protocollata poi al n.569/2020".

Inoltre, i consiglieri di opposizione contestano l'ostruzionismo della maggioranza

"Il cosiddetto "ostruzionismo di maggioranza" ovvero il comportamento preordinato al conseguimento della mancanza del numero legale delle assemblee rappresentative costituisce una inammissibile prevaricazione della maggioranza nei confronti delle minoranze, alle quali viene impedito di esercitare il proprio ruolo di opposizione e quindi l'esercizio di un diritto politico costituzionalmente garantito". Poi aggiungono "In contrasto con precise disposizioni legislative, statutarie e regolamentari oltre che con le esplicite richieste della minoranza consiliare – convocata “in prima convocazione” anziché “in seconda convocazione”, il comportamento del Presidente del Consiglio Comunale dovrebbe ritenersi comunque censurabile"

Infine, contestano al presidente del Consiglio

"Il Presidente del Consiglio Comunale è tenuto a riunire il Consiglio, in un termine non superiore ai venti giorni, quando lo richiedano un quinto dei consiglieri, inserendo all'ordine del giorno le questioni richieste e che, in caso di inosservanza degli obblighi di convocazione del consiglio, previa diffida, provvede il Prefetto".

Pertanto i consiglieri comunali chiedono l’autorevole intervento del Prefetto al fine di "ripristinare e ristabilire, il rispetto delle norme legislative, statutarie e regolamentari poste a tutela ed a garanzia dell’esercizio dei diritti costituzionalmente riconosciuti ai sottoscritti Consiglieri Comunali.
Il tutto nell’interesse della città di Sarno e del prosieguo delle necessarie attività amministrative, improntate ai criteri di legittimità e trasparenza essenziali per il vivere civile".

IL SENATORE IANNONE PORTA IL CASO IN PARLAMENTO: QUESTO IL TESTO DELL'INTERROGAZIONE AL MINISTRO DELL'INTERNO

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2