Oscar 2016: trionfano Spotlight e Morricone. Finalmente premiato Di Caprio

29 Febbraio 2016 Author :  

È la grande festa di Hollywood: la notte dei premi Oscar e dei divi del cinema più acclamati del pianeta. Una festa che parla anche un po’ italiano grazie al compositore italiano Ennio Morricone.

Il premio a Morricone: colonna sonora
Ennio Morricone riesce nell’impresa di portare a casa il suo primo Oscar per la migliore colonna sonora originale per «The Hateful Eight» di Quentin Tarantino. Morricone ha ricevuto l’Oscar alla carriera nel 2007 ed era alla sua sesta nomination.
 

Miglior film
La statuetta va a «Il caso Spotlight» co-scritto e diretto da Tom McCarthy, vincitore del Premio Oscar 2016 come Miglior Sceneggiatura Originale. Il film racconta la storia del team di giornalisti investigativi del «Boston Globe» che nel 2002 ha sconvolto la città con le sue rivelazioni sulla copertura sistematica da parte della Chiesa Cattolica degli abusi sessuali commessi su minori da oltre 70 sacerdoti locali, in un’inchiesta premiata col Premio Pulitzer.
 

Miglior attore, il premio a DiCaprio
Finalmente Leonardo DiCaprio (41 anni) vince la statuetta come miglior attore protagonista per «Revenant» di Alejandro Iñárritu. Dopo sei candidature la star di «Titanic» si aggiudica l’agognata statuetta per la sua interpretazione del «redivivo» cacciatore di pelli Hugh Glass.
 

Wikander Miglior attrice non protagonista
Alicia Wikander, 26 anni, si è aggiudicata il premio come Miglior attrice non protagonista per la sua interpretazione in «The Danish Girl» di Tom Hooper. Wikander, svedese, è considerata la nuova Bergman.

Miglior attore non protagonista
La statuetta come Miglior attore non protagonista è andata all’attore britannico Mark Rylance, protagonista al fianco di Tom Hanks di «Il ponte delle spie» di Steven Spielberg. Il divo è considerato il massimo attore teatrale vivente.
 

Categorie «tecniche»
Pioggia di statuette su «Mad Max: Fury Road» che si aggiudica sei statuette, tutte per categorie cosiddette «tecniche».
 

Migliore lungometraggio animato
L’Oscar va al cartoon della Pixar «Inside Out», diretto da Pete Docter.
 

Il miglio film straniero è ungherese
Sono i due attori di origine non americana, Sofia Vergara e Byung-hun Lee, a consegnare l’Oscar per il miglior film straniero a «Il figlio di Saul», pellicola ungherese. A ritirare il premio il regista Laszlo Nemes. Tornano a casa senza statuette il colombiano «El abrazo de la serpiente», il francese «Mustang», il giordano «Theeb» e il danese« A war». «Anche nei momenti più bui c’è una voce che ci consente di restare umani: spero che sia questo ad infondere il mio film», ha detto Nemes ritirando il premio.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2