banner agro

Rifiuti Tunisia: Sra, non rispondiamo di container manomessi

28 Febbraio 2022 Author :  
"La 'Societa' Sviluppo Risorse ambientali' e' pronta a rispondere di quello che c'e' nei container chiusi con il sigillo apposto dai propri dipendenti in fase di spedizione dall'Italia. Solo di questi. Non di altri rifiuti" E' quanto afferma l'impresa, in merito al rientro dei container provenienti dalla Tunisia, attualmente, sono bloccati in un terminal del porto di SALERNO "La Sra non sara' 'l'agnello sacrificale' di chi, per coprire le proprie negligenze e reati, prova ad addebitare alla stessa le colpe di questa vergognosa vicenda", aggiungono gli avvocati Giorgio e Francesco Avagliano, legali dell'azienda autorizzata allo stoccaggio e al trattamento dei rifiuti, che ha sede a Polla. "La Sra ha inviato centinaia di comunicazioni a partire dal mese di gennaio 2020 e sino al mese di febbraio 2022 chiedendo alla Regione di verificare la presenza dei sigilli installati dall'azienda sui container ben due anni fa - proseguono i legali -. Ma nessuno ha mai ascoltato. E, una volta scaricati i container nel porto di SALERNO, si e' verificato quello che tutti temevano". I legali, hanno denunciato che "i sigilli sono stati manomessi ed i container aperti in Tunisia" e "richiusi non si sa da chi , con sigilli non di Sra". "Basti pensare al solo container numero 213, in esubero rispetto alla spedizione originale, contenente 'materiale bruciato',, senza alcuna analisi e miscelato dai tunisini, atto che gia' ne pregiudicherebbe la regolarita', secondo la legislazione internazionale". Ad oggi i container sono sotto sequestro dei Noe dei carabinieri. "I container partiti dall'Italia avevano tutti i certificati d'analisi - contestano i legali dell'azienda -. quelli tornati in Italia non hanno i sigilli di Sra apposti in fase di invio. Questo vuol dire che sono stati aperti ed il loro contenuto manomesso. Una volta manipolato e maneggiato il suo contenuto, questo andava nuovamente campionato ed analizzato". Per gli avvocati della "Sra" "il rientro sic et simpliciter dei container, senza caratterizzazione poteva essere disposto solo se i sigilli fossero stati gli stessi di quelli di invio. Ma cosi' non e' stato". L'azienda ha fatto sapere che ha breve sara' depositata "l'ennesima querela per traffico illecito di rifiuti affinche' la magistratura accerti realmente chi sia il vero responsabile del reato di traffico internazionale di rifiuti tra la Tunisia e l'Italia".

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2