banner agro

Rassegne stampa a norma di legge: come e perché fare attenzione al rispetto del copyright

07 Maggio 2019 Author :  

 

La rassegna stampa è un'attività di routine per molte agenzie di comunicazione e per gli addetti degli uffici preposti all'interno delle imprese di grandi dimensioni. Ciononostante, ancora oggi alcuni operatori ignorano i limiti stabiliti dalla legge per questa attività e la corretta prassi per evitare di incappare in violazioni del diritto d'autore.

La rassegna stampa nel 2019: stessi obiettivi, nuovi strumenti

Quando rivolta ad un'impresa, la rassegna stampa assume il ruolo di strumento di informazione attraverso il quale risulta possibile monitorare il flusso di notizie relativo ad uno specifico tema strategico o, più tipicamente, ad un prodotto o ad un brand, con lo scopo di valutare il sentiment dell'opinione pubblica e tutelare l'immagine aziendale.

Chiaramente, oggi una rassegna stampa non può tenere conto solo di giornali e periodici cartacei, ma per completezza deve includere anche la versione online delle grandi testate, i blog di settore e i social media.

Per gli addetti stampa, in buona sostanza, la mole di informazioni da gestire è cresciuta in modo esponenziale nell'arco di poco più di dieci anni, e con essa il lavoro. Fortunatamente, in parallelo è aumentata anche l'offerta di mezzi e strumenti ad hoc pensati per semplificare questa attività: ne sono esempi gli applicativi online dedicati proprio alle rassegne stampa, che consentono di consultare e confrontare le edizioni digitali di quotidiani, periodici e riviste, ma anche i servizi per la consegna personalizzata di giornali alle aziende, grazie ai quali un ufficio stampa può scegliere di ricevere una precisa selezione di materiale editoriale, selezionando testate, numero delle copie e orario di consegna. Completano il ventaglio degli strumenti a disposizione degli addetti stampa i tool per il controllo automatico delle menzioni su social network e blog, grazie ai quali è possibile monitorare con precisione le citazioni di un brand sul web ed intervenire tempestivamente, ad esempio per fornire il punto di vista dell'azienda in caso di controversie.

Diritto d'autore e rassegne stampa: la legge italiana

In tema di rispetto dei diritti d'autore e conseguenze della violazione dei copyright, la legislazione italiana non sempre risulta di facile interpretazione, tanto che per gli operatori del settore a dettare le linee guida sono di fatto le sentenze della Corte di Cassazione accumulatesi nel corso degli anni.

Di base, a regolare la possibilità di riprodurre in parte o in maniera completa articoli di giornale sono gli articoli 65 e 70 della Legge sul Diritto D'autore, in vigore in Italia sin dai primi anni Quaranta. Il primo dei due articoli sancisce, in sostanza, la possibilità di riprodurre ed utilizzare "articoli di attualità di carattere economico, politico o religioso pubblicati nelle riviste o nei giornali", indicandone la fonte (completa di data di pubblicazione ed autore quando noto), sempre a patto che l'editore non ne abbia espressamente specificato la "riproduzione riservata".

Il secondo articolo, invece, puntualizza che la riproduzione di un articolo di giornale o di una parte di esso è lecita solo quando questa non va a rappresentare "concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera".

Riassumendo, quindi, la riproduzione è lecita solo quando autore e/o editore non la vietano espressamente, facendo attenzione a citare sempre la fonte ed esclusivamente in assenza di fini commerciali o comunque per scopi che potrebbero danneggiare in modo diretto chi detiene i diritti dell'opera.

Per completezza, è giusto ricordare che con le indicazioni della Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie, recepite in Italia con la legge n. 399 del 20 giugno 1978, vengono introdotte ulteriori limitazioni per quanto riguarda l'uso e la riproduzione dei prodotti editoriali. In particolare, all'interno dell'art. 10 viene offerta una precisa definizione di "rassegna stampa", sottolineando come essa sia costituita solo da "un insieme di citazioni di articoli di giornali e riviste periodiche" e dunque non da testi integrali.

Come realizzare una rassegna stampa nel rispetto del copyright

Quali precauzioni adottare nella pratica per evitare di incorrere nel rischio di denunce per violazioni del diritto d'autore?

Per rispondere a questo quesito, è possibile prendere in considerazione quanto contenuto all'interno della sentenza 816/2017 del Tribunale di Roma: la riproduzione di articoli estrapolati da quotidiani, riviste e periodici, o di parte di essi, finalizzati alla rassegna stampa è legittima quando inerente ai singoli argomenti di interesse per il cliente e rivolta esclusivamente al soggetto destinatario della prestazione. In sostanza, una società terza o un ufficio stampa che si occupano della selezione di notizie ed informazioni operano nel rispetto delle norme quando il loro lavoro è circoscritto a specifici temi di interesse, senza mai essere rivolto al grande pubblico come possibile canale alternativo per la consultazione delle opere originali.

Questo per quanto riguarda la carta stampata, ma come muoversi nel caso di articoli e contenuti pubblicati sul web?

Le regole rimangono le medesime, con l'ulteriore accortezza di citare sempre la fonte, eventualmente anche aggiungendo un collegamento ipertestuale (link) al contenuto originale.

Pochi o nulli, in questo senso, dovrebbero essere gli effetti della Direttiva europea sul diritto d'autore nel mercato unico digitale, approvata dal Parlamento europeo il 26 marzo 2019 e dal Consiglio dell'Unione Europea il successivo 15 aprile, le cui norme, una volta recepite dai singoli paesi dell'Unione, si applicheranno ai grandi aggregatori di notizie e contenuti online, come ad esempio Google News, Facebook e YouTube.

Punto Agro News

PuntoAgronews è un giornale online che si occupa del territorio tra l'Agro Nocerino Sarnese e la Costiera Amalfitana. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2